Prestiti Personali Senza Busta Paga per Casalinghe e Protestati

Prestiti Personali Senza Busta Paga per Casalinghe e Protestati

I prestiti a casalinghe senza busta paga sono diventati piuttosto comuni negli ultimi anni e quindi risulta possibile ottenerli in modo abbastanza semplice.

Bisogno di un prestito?

Fai subito la tua richiesta gratuita, esito fattibilità in 5 minuti. Devi solo compilare il modulo!




Il mercato dei prestiti è oggigiorno fortemente diversificato e permette a diversi soggetti, anche quelli considerati svantaggiati di ottenere un prestito. E’ in questo gruppo che si inseriscono le casalinghe: soggetti senza reddito dimostrabile, ma che spesso necessitano di ottenere un finanziamento. Gran parte delle finanziarie ha quindi creato offerte apposite che consentono proprio alle casalinghe di accendere un finanziamento, anche nel caso (molto frequente) in cui esse siano senza busta paga e non possano fornire garanzie. Solitamente i prestiti per le casalinghe sono ad importo ridotto, difficilmente superano i 2 mila euro.
Prestiti così esigui non richiedono garanzie per soggetti con una buona reputazione creditizia (ossia persone cioè non iscritte nel registro dei cattivi pagatori o con protestate), mentre cessioni più importanti richiederanno la firma di un garante o di una garanzia alternativa, come l’ipoteca sulla casa. Per chi fosse senza garante potrebbe risultare complicato ottenere un prestito di importo cospicuo senza poter fornire garanzie come la busta paga o altra forma.
Senza garanzie è possibile ottenere l’erogazione di una carta revolving: che consentono di accedere ad un prestito “ricaricabile” di importo fino a 3.000,00 €. Considerata la libertà d’uso di questi strumenti finanziari, queste carte potrebbero risultare un po’ più care rispetto ad altre forme di finanziamento più rigide.

Prestiti a protestati senza busta paga

I prestiti a protestati senza busta paga sono sempre più diffusi.

Succede molto di frequente di trovarsi in una condizione particolare in cui si fa fatica ad onorare tutti i pagamenti, come le rate del mutuo e si finisce per diventare dei “cattivi pagatori”.

Con questo termine vengono indicati coloro che hanno subito protesti di rate non pagate o che comunque hanno pagato con forti ritardi rispetto alle date di scadenze prestabilite. Oggi la questione dei soggetti protestati è molto attuale, cattivi pagatori è una ragione che limita la propria possibilità di accedere nuovamente al credito.
Per poter ottenere un nuovo prestito, è essenziale poter disporre di alcune garanzie necessarie. Chi si trova in queste situazioni può comunque avere accesso a finanziamenti di piccola entità sopratutto se si ha uno stipendio regolare. Una forma di garanzia sono le cessioni, ovvero quella forma di finanziamento che consente alla banca di prelevare direttamente 1/5 dello stipendio dalla busta paga. Se, invece, il soggetto è senza busta paga, allora potrebbe essere richiesta la fidejussione personale di un altro garante, o un’ipoteca immobiliare, o la titolarità di una pensione (di anzianità, vecchiaia, reversibilità).
Ovviamente, per poter ottenere un prestito, sarebbe consigliabile chiedere la cancellazione del protesto. Il protesto può essere cancellato con una normale richiesta inoltrata attraverso le società apposite, dopo aver saldato le rate sospese e si potrà procedere con la chiusura della pratica.

Prestiti personali senza busta paga

Al giorno d’oggi non è più impossibile ottenere prestiti personali senza busta paga.

Le persone che non hanno una busta paga, come i disoccupati, studenti, casalinghe, oppure come i lavoratori atipici, autonomi o liberi professionisti possono comunque ottenere un finanziamento. Per richiedere un prestito per tutte le categorie diverse dal lavoratore dipendente solitamente viene richiesta una casa a ipoteca, una terza firma a garanzia, o una assicurazione sulla vita.
Ovviamente, il garante del prestito non deve avere finanziamenti in corso che superino il 40 o 50% del proprio reddito e non deve essere stato valutato come un cattivo pagatore.
I lavoratori che non sono in possesso della busta paga possono tranquillamente accedere alle varie forme di prestito. Esistono comunque dei prodotti finanziari specifici, come il prestito cambializzato o il prestito ipotecario. Molto cambia in base all’importo richiesto, al tipo di affidabilità del cliente e anche in base alla società a cui ci si rivolge.

I documenti necessari per chiedere un prestito

L’argomento principale di questo sito sono i prestiti senza busta paga ma alcune caratteristiche di questo tipo di finanziamento sono comuni con altre tipologie di prestito.

Alcuni documenti sono infatti necessari indipendentemente dal tipo di prestito.
I documenti richiesti dagli istituti finanziari sono i seguenti.
Carta di Identità
-Codice Fiscale
-Attestato di Servizio o Certificati di Stipendio
-Carta di Identità
-Codice Fiscale
-Informative sul reddito

In articoli andremo poi a vedere nel dettaglio quelle che sono le garanzie richieste dalle banche nel caso specifico dei prestiti senza busta paga.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *